Home » Luoghi da visitare » VARIGOTTI E FINALE: COLORI DEL MARE

VARIGOTTI E FINALE: COLORI DEL MARE

varigottiLo splendido borgo di Varigotti affascina con le sue case sulla spiaggia, colorate con tinte calde tipicamente liguri.Varicottis, sorta come ‘civitas’ marina, venne distrutta dai Longobardi nel 643; il paese attuale si sviluppò nel XIV secolo. Un porto vitale le garantì benessere, fino a quando fu insabbiato dai nemici genovesi. Il prestigio di Varigotti ha trovato validi testimonial in celebri scrittori e pittori del Novecento, che furono ispirati dai suoi colori e dalla sua natura incontaminata. Hemingway, Pavese e Gina Logorio hanno immortalato in alcuni scritti il fascino dei suoi vicoli. Superate le falesie di Capo Noli, si raggiungono il Malpasso e la Baia dei Saraceni, dalle acque verdi e limpidissime. Il promontorio di Punta Crena presenta una spiaggetta tranquilla. Uno scosceso sentiero permette di raggiungere i ruderi del castello dei Del Carretto e una torre di avvistamento; da qui la vista spazia sulle acque trasparenti tutt’intorno. Il litorale a ponente ospita accoglienti stabilimenti balneari. Piacevoli sentieri permettono di esplorare le colline alle spalle del borgo dominate dalla macchia mediterranea, dove cespugli di rosmarino, origano e timo attirano con il loro profumo e le gialle ginestre catturano lo sguardo. A monte dell’Aurelia un facile percorso tra gli ulivi e i pini marittimi porta alla chiesetta altomedievale di San Lorenzo Vecchio, che con il suo piccolo campanile si affaccia a strapiombo sul mare. A due passi una terra di confine quale Finale, da Ad Fines, in quanto storicamente questo territorio era il confine tra i Liguri Sabazi ed i Liguri Inguani prima, e tra la Marca Aleramica e la Marca Arduinica nel Medioevo poi. Il periodo di massimo splendore coincise con il dominio dei marchesi Del Carretto iniziato nel XIII secolo. I legami del Marchesato del Finale con gli Sforza, signori di Milano, garantirono una prestigiosa vita politica e culturale, che perdurò anche in seguito al passaggio alla corona di Spagna. La floridezza economica fu interrotta da Genova, antica rivale, che nel 1748 conquistò il territorio del finalese.