Home » Attualità » Serata a teatro

Serata a teatro

L’antico orfanotrofio dell’Annunziata, a Napoli, fondato nel 1343 dalla regina Sancia d’Angiò, ha per secoli accolto esposti e figlie della Madonna, così come il milanese Istituto dei Martinitt ha dato accoglienza a orfani e stelline. Il 25 marzo di ogni anno, festa della Santissima Annunziata, nel salone delle colonne si svolgeva la “cerimonia del fazzoletto”. Le esposte in età da marito venivano proposte in sposa e i pretendenti lanciavano loro un fazzoletto bianco che, se raccolto dalla fanciulla, suggellava l’accettazione del legame matrimoniale. L’antica cerimonia rivive nella commedia scritta e diretta da Edmondo Capecelatro che, dopo la prima rappresentazione al Teatro Ariberto di Milano, sarà replicata giovedì 31 maggio, alle ore 21, proprio al Teatro dei Martinitt, quasi a voler sancire un ideale legame tra le due benefiche istituzioni. Il II atto della commedia si sposta in casa di una delle ragazze scelte in sposa e, attraverso un’accurata introspezione dei personaggi ed un susseguirsi di nuove rivelazioni, s’interroga sul perché un uomo non più giovane e benestante, scelga in moglie una sconosciuta. La commedia sarà messa in scena dalla compagnia “il Teatro degli Oziosi”, con dieci attori in scena, ed altrettante comparse, che riescono, con padronanza, a calarsi nei rispettivi personaggi e nell’atmosfera di cent’anni fa. La compagnia si trasferirà poi a Napoli, nel mese di giugno, per portare “La Sposa della ‘Nunziata” nella sua terra di origine. Nel capoluogo partenopeo la commedia si svolgerà (22 e 23 giugno) tra le mura del medievale complesso della Santa Annunziata, gentilmente concesso dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli. L’incasso sarà devoluto, per la rappresentazione di Milano, all’Istituto Martinitt e Stelline e Pio Albergo Trivulzio  e, per quella di Napoli, ad una casa-famiglia per minori.

“La Sposa della ‘Nunziata” commedia in due atti di Edmondo Capecelatro

Regia di Edmondo Capecelatro