Home » Rubriche » Medicina Estetica » Donna » ….Parliamo di uomini…

….Parliamo di uomini…

immagine1 

Diciamoci la verità, parlare di certi argomenti non è mai troppo semplice, ma visto che siamo tra donne, possiamo anche farlo liberamente qui…Di questi tempi ricorre spesso la frase “l’uomo non è più quello di un tempo”, oppure “l’uomo ha perso virilità”, o ancora “ l’uomo è in crisi di identità”. Beh, è innegabile, i tempi sono cambiati :l’uomo che portava la clava, assai rude e forse più virile,ha passato il testimone a un uomo situato in tutt’ altro contesto. Ci troviamo forse un poco disorientate, a volte convinte di doverlo ammaestrare quasi fosse un leone da circo, ( a patto, è ovvio, che lui non ammaestri noi!!), educarlo, indirizzarlo e qualche volta cambiarlo…Beh , per alcune cose , non credo di peccare di presunzione se affermo che l’uomo trae  volentieri vantaggio da alcune “dritte” che gli diamo ,ma  c’è qualcosa su cui forse non abbiamo riflettuto. C’è sempre questa domanda che ci ronza per la testa.. “cosa vuole veramente un uomo da una donna?” ed è proprio lì, che forse ci giochiamo la partita ancora prima di scendere in campo… Vorremmo conquistarlo, essere sicure che ci resti accanto, che non ci tradisca,…vorremmo forse che aderisse al nostro “Atto Unico”, scritturandolo come  attore protagonista per l occasione…Certo sarebbe un sogno,…appunto: un sogno. E la realtà qual è? Fonti di inesauribile sapienza sono per fortuna le nostre nonne( per chi ha il privilegio di averle) e le nostre madri….Ma c’è un “ piccolo” particolare da non trascurare care amiche : nonne , madri e figlie sono sicuramente legate da retaggi femminili comuni,ma ognuna vive un tempo diverso e per ogni tempo ci sono uomini diversi nonostante le mode, le tradizioni e la cultura a cui appartengono. Ci tocca un’epoca di  precarietà compulsive che invadono anche i sogni d’amore,ma  io dico che alla fine siamo ancora fortunate, perché possiamo compiacerci serenamente della libertà che abbiamo , nel poter vivere le nostre storie d’amore cominciando a pensare “chi è l’ uomo oggi? Voglio scoprirlo”.

Di Giulia Gustavo