Home » Personaggi » La solidarietà di Andrea Mascaretti

La solidarietà di Andrea Mascaretti

andreamascarettiAndrea Mascaretti, classe 1965, imprenditore e politico, ha indirizzato la propria vita lungo le direttive dell’altruismo e dell’impegno civile, con all’attivo importanti iniziative nel campo del volontariato. La prima vera grande passione di Mascaretti resta tuttavia quella del volo: la possibilità di sfidare i propri limiti, mettendosi in gioco con responsabilità in situazioni di grande rischio, e il brivido della velocità alla guida di macchine potenti e tecnologicamente avanzate sono desideri ed emozioni nati sui banchi di scuola: «Tutto cominciò quando, ancora bambino, vidi un film in TV dove l’eroe protagonista era un pilota di aerei da caccia. L’impressione fu tale che, raggiunti i diciotto anni, dopo aver preso il brevetto di pilota civile, mi iscrissi al corso di “Ingegneria Aereonautica” al Politecnico di Milano e partecipai al bando per “Ufficiale Pilota dell’Aereonautica Militare”. Ammesso all’Accademia, dovetti scegliere se trascorrere qui i successivi quattordici anni. In quel momento capii che la realtà è molto diversa dal sogno: la carriera in Aereonautica, perseguendo l’Italia una politica estera di pace,  prevede un impegno dei piloti da caccia inversamente proporzionale al lungo periodo richiesto per entrare a far parte della gerarchia militare. Decisi dunque di proseguire il percorso civile: ho pilotato per molti anni frequentando gli Aeroclub per pura passione, finché gli impegni professionali hanno preso il sopravvento. Tuttavia non ho mai deciso di smettere di volare: ricomincerò forse un giorno, quando ritroverò di nuovo tempo per me stesso». Il concreto impegno sociale di Mascaretti comincia quando, ancora adolescente, ascolta un servizio al telegiornale riguardante il ritrovamento del cadavere di un clochard morto di freddo a Milano: «Il tragico episodio mi portò a riflettere su come sia ingiusto che nella grande e ricca metropoli meneghina, dove spesso domina il superfluo, un essere umano, privo di una semplice coperta, possa perdere la vita ignorato dalla comunità: la mia prima esperienza fu una raccolta fondi organizzata in ambito liceale con l’appoggio dei Carmelitani Scalzi. Verso la metà degli anni’90 cominciai una fruttuosa collaborazione con i Frati Francescani: assiemeassieme abbiamo dato vita alla fondazione “Fratelli di San Francesco d’Assisi” con la quale abbiamo ampliato i servizi già presenti presso la comunità creandone al contempo di nuovi, espressamente dedicati agli anziani: il “Custode Sociale” e il “Pony della Solidarietà”: il primo ha il compito di individuare e monitorare persone sole e in difficoltà, attivando attorno a loro una rete di enti pubblici e privati già esistenti; il secondo si occupa del loro sostegno fornendo assistenze basilari come cibo e medicinali». Mascaretti, da otto anni, è inoltre tra i promotori del Pranzo di Natale, sempre dedicato agli anziani, che si svolge nella mensa della Fondazione Don Gnocchi e, da quest’anno, anche nel ristorante dell’Hotel Hilton: «L’idea è nata dal desiderio di dar vita a uno speciale momento di umana condivisione per restituire a queste persone fiducia nel futuro, donando affetto e compagnia, in quello che dovrebbe essere il giorno di massima gioia per tutti: la riconoscenza impressa nei loro volti e parole ha permesso a noi volontari di riscoprire il vero e profondo spirito del Natale». L’instancabile volontà di servire i cittadini e il desiderio di migliorare, mettendosi in gioco in prima persona, i servizi offerti dall’amministrazione comunale di Milano, indirizzano Mascaretti (da dicembre 2010 direttore generale di MilanoMetropoli, agenzia per lo sviluppo del territorio) verso la politica, con Forza Italia prima e col PDL poi: «Ho ricoperto la carica di consigliere comunale dal 2001 al 2006 e sono stato assessore dal 2006 al 2011, accettando la gestione di una sfida importantissima in cui ho speso molte energie, EXPO 2015, fondamentale opportunità che potrebbe permetterci di uscire dalla crisi, creando nuove infrastrutture, posti di lavoro e ricchezza per il nostro territorio». Ricandidatosi alle recenti elezioni, Mascaretti è stato eletto come consigliere di opposizione, aumentando di più del 50% la percentuale di voti: «Questo dimostra che il mio impegno è stato giudicato assai positivamente, il che mi rende estremamente orgoglioso. Ora il mio compito è vigilare affinché ciò che ha fatto di positivo la precedente amministrazione non venga vanificato».