Home » Luoghi da visitare » Il fascino di Ceriale

Il fascino di Ceriale

ca023_cerialeNon distante da Albenga, nella fertile pianura del fiume Centa, sorge Ceriale, un tempo borgo di agricoltori subordinato prima al vescovo di Albenga, poi alla Repubblica di Genova. Una tragica svolta nella sua storia avvenne nel 1637. nella notte tra il 1 e il 2 luglio il borgo fu assalito da oltre 800 pirati algerini che deportarono o uccisero metà della popolazione, lasciando il paese in fiamme. Sulla passeggiata si erge ancora il bastione costruito nel 1564, quale testimonianza delle costruzioni in difesa dai pirati barbareschi. Merita una visione la parrocchiale dei SS. Giovanni Battista ed Eugenio nel centro storico. A memoria della sua origine, la città mantiene, come detto, una forte vocazione agricola: serre, coltivazioni e vigneti producono ortaggi, uve pregiate, piante aromatiche e fiori in vaso. Ceriale offre giornate all’insegna del relax e del divertimento, il parco acquatico Le Caravelle, unico in Liguria, aperto da giugno a settembre, la rende meta ambita al più vasto pubblico. Un parco di nuova generazione con piscina ad onde, toboga, rapide, vasche idromassaggio, scivoli e tutti i servizi per i visitatori. Nella frazione di Peagna interessanti la Chiesa Vecchia, con resti di affreschi quattrocenteschi e la fonte nedievale chiamata Anthia. Il Museo Paleontologico Silvio Lai espone i reperti provenienti dal sito fossilifero del Rio Torsero, oggi Riserva Naturale Regionale. Ogni anno, fra agosto e settembre, si tiene la Rassegna dei Libri di Liguria, esposizione di tutte le novità editoriali liguri dell’anno e serate letterarie con gli autori. Ricordiamo che alle spalle della città di Ceriale esistono alcune graziose, eleganti e panoramiche frazioni, che guardano le spiaggge un poco dall’alto, un poco da distante; sono località dove la notte è più fresca e dove si respirano i profumi della campagna; sono il fronte a mare dell’altra Riviera, a ridosso dell’allegra frenesia della costa ma già in grado di cogliere il piacere della natura di entroterra, il mormorare dei ruscelli, il fresco degli alberi mossi dalla brezza e il cielo stellato.