Home » News » Aronna: smile il sorriso vincente

Aronna: smile il sorriso vincente

aronna3Il Dott. Giuseppe Aronna, ci spiega che da oggi, grazie ad una serie di  trattamenti che vanno dal più semplice a quello di maggiore complessità, è  possibile ridisegnare il proprio sorriso secondo i più certificati criteri di bellezza nel rispetto della buona salute di denti e gengive.

Ma quali sono gli elementi che garantiscono un’ estetica al top del sorriso?

In una recente intervista li ho elencati come segue:

•   IL COLORE E LA LUMINISITA’

•   LA FORMA

•   L’ARMONIA TRA LE FORME

•   LA SIMMETRIA

•  LE PROPORZIONI

•  L’ ALLINEAMENTO DENTARIO

•  LA SMILE LINE – LA LINEA DEL SORRISO E L’EFFETTO INCISALE

Partendo dal primo punto, il colore chiaro dei denti è fondamentale per attrarre maggiormente la luce e rendere il sorriso ancora più luminoso e brillante. A questo proposito sono d’aiuto i trattamenti cosmetici di sbiancamento che,  rimuovendo pigmenti e riducendo l’intensità cromatica del dente,  aumentano  il bianco e, di conseguenza, la luminosità di tutto il sorriso dato che la luce riflette e traspare attraverso la struttura dentaria. A questo proposito è fondamentale la sapiente applicazione del perossido di idrogeno che, anche in assenza di fonti luminosi, regala ai denti dei bellissimi effetti cromatici. L’impiego di Uv, luci fredde o laser, utili per accelerare i processi di sbiancamento, devono essere impiegati, invece,  laddove  smalto e dentina risultino maggiormente mineralizzati e con maggiore spessore o discromia, pena, altrimenti, aumento della sensibilità dolorosa nel post trattamento.

Vorrei porre l’attenzione sullo sbiancamento effettuato a regola d’arte poiché in Italia è molto diffusa una metodica pressappochista basata sull’eccessiva ed incontrollata applicazione di gel e dentifrici sbiancanti che non fanno altro che aumentare la sensibilità dolorosa e accentuare la corrosione dello smalto.

Lo sbiancamento si deve considerare propedeutico ad ogni altra terapia ricostruttiva estetica  dentaria;  in base al colore desiderato, valuteremo la forma dei denti, la simmetria tra gli elementi, così come le proporzioni dei vari elementi dentari  in riferimento alla forme di labbra e viso.   Dagli elementi disponibili  progetteremo, di concerto con i desideri del paziente, il sorriso ideale.

I sette elementi descritti fungono da guida al clinico dentista per ripristinare nel migliore dei modi la regolarità e l’allineamento dei denti; questa operazione si effettua con l’applicazione controllata di mascherine trasparenti programmate per il movimento ortodontico e capaci di conferire ai denti la posizione desiderata e la conseguente simmetria.

I sette valori dell’estetica dentale possono essere realizzati  con l’ausilio dei moderni  biomateriali, come le resine composite e le ceramiche.

Compositi e resine hanno sempre più una componente vetrosa e, inoltre, si diversificano in base alla composizione ed ai conseguenti effetti cromatici  che sono in grado di esprimere come l’effetto di trasparenza e traslucenza, fenomeno di riflessione della luce che dona luminosità e brillantezza al dente.

Si possono eseguire piccole ricostruzioni in resina composita per  ripristinare la forma ideale  o restaurare quei denti usurati dal trascorrere del tempo o da movimenti di bruxismo.

Le resine composite, dunque, non si impiegano solo per ‘’otturare ‘’le carie.  Il termine otturare già esprime riparazione: e tali sono considerando che dopo un po’ di tempo dalla realizzazione appaiono scurite. Tale fenomeno è dovuto ad una non accurata esecuzione che permette infiltrazione tra il materiale e la struttura del dente ed alla rugosità del materiale che non essendo levigato e lucidato opportunamente ritiene la placca batterica e le sostanze dell’alimentazione.

Se gli incisivi sono estremamente ‘rovinati’ o il sorriso non ci soddisfa, possiamo ridisegnarlo con l’impiego di faccette o corone in ceramica. Le laminette  possono avere uno spessore minimo di 0,4 mm fino a 1,5 mm a seconda delle indicazioni; il loro impiego prevede che piccole “sfoglie”di ceramica vengano apposte sui denti senza limarli, o limandoli leggermente, in modo molto conservativo per  restaurare funzione ed estetica  dei denti anteriori.  Il massimo concetto è quello del biomimetismo: ovvero della perfetta integrazione funzionale ed estetica dei restauri nel contesto dento gengivale.

L’ideale estetico virtuale può divenire reale grazie all’elaborazione plastica di modelli che possono essere provati e visionati dal paziente, fino alla loro realizzazione definitiva. In questo modo si possono cancellare gli effetti negativi che il trascorrere del tempo ha sui nostri denti come ingiallimento o scorrimento, abrasione dello smalto , nonché usura di tutta la struttura dentaria che appare più corta e sottile. Questi fattori, se considerati singolarmente, possono anche non essere percepiti, ma nell’insieme conferiscono, invece, un aspetto ‘vecchieggiante’ o quantomeno possono mostrare una nostra maggiore età anagrafica.

Quindi anche la terapia estetica dentale antiaging, come altre cure mediche,  ci consente di apparire più belli, più sani, più giovani e, di conseguenza, anche più felici.

Dott. Giuseppe Aronna